Accessibility

High contrast switcher

-A A +A

Dolce Marmilla

Vehicle Tour
Dolce Marmilla
  • Ascoltare i racconti sulla civiltà nuragica.
  • Utilizzare un telaio verticale e realizzare un arazzo.
  • Conoscere i fatti sulle invasioni arabe nel territorio.
  • Partecipare alla realizzazione dei “marracconis fibaus”, la pasta tipica di Siddi.
  • Affittare biciclette e cavalcare.
  • Gustare i prodotti biologici del territorio nel ristorante più conosciuto della Sardegna.
  • Ascoltare i racconti sulla civiltà punica- romana.
  • Partecipare alla tosatura delle pecore.
  • Usufruire di visite guidate sull’altipiano delle Giare.
  • Visitare le case a corte.
  • Conoscere le erbe officinali del territorio.
  • Partecipare alla produzione del miele.
  • Partecipare ad una battuta di caccia al cinghiale.
  • Fare il formaggio.
Route: 

Itinerary:

Se si parte la mattina da Cagliari si giunge a Collinas in 40 minuti. Addentrandosi nel territorio si lascia alla sinistra il massiccio del Monte Arci e si passa dalla pianura del Campidano a un paesaggio più mosso, collinare, ricco di vigneti, di oliveti e di mandorleti e di ampie pianure o sub pianure coltivate a cereali. L’area è caratterizzata da altipiani: Giara di Siddi (ZPS) e di Gesturi (SIC), punti di percezione di un paesaggio vallivo in cui i presidi abitati rappresentano l’unica testimonianza intatta del ripopolamento della Sardegna dopo l’anno 1.000. L’itinerario collega le due zone di rilevante interesse naturalistico attraversando, da ovest a est, la zona cerealicola della Marmilla sino a giungere ai versanti occidentali della Giara di Gesturi. Centri abitati fatti di pietra, nuraghi, case delle fate, olivi ultra secolari che danno oli dolci e delicati, paste della millenaria tradizione locale, vitigni autoctoni come il Cannonau e il Bovale rappresentano insieme alle erbe officinali come lo zafferano e i formaggi di capra e di pecora la base dei menù locali. Proseguendo lungo i versanti occidentali della Giara di Gesturi, questa volta in direzione da sud a nord si prosegue verso un territorio più aspro, la storica curatoria di Valenza, che differenzia le produzioni rivolgendosi alle carni suine, ovine e bovine, alle lumache. Il suolo più trachitico e marnoso determina sapori e profumi differenti da quelli della bassa Marmilla e conferisce al cibo diversità non immaginabili, vista la vicinanza dei luoghi. La tradizione dolciaria, comune a tutti i territori percorsi dall’itinerario, qui è caratterizzata dalla variante del tipico “pane di sapa”, spesso fatto con il miele di asfodelo, altra diversità che accompagna anche la ricotta caprina. Dalla Valenza si prosegue verso l’antica Colonia Julia lungo i versanti dolci del Monte Arci i cui pascoli forniscono nutrimento per gli allevamenti suini e ovini. Le carni sono tenere, dolci; qui cucinate arrosto, bollite e aromatizzate con il mirto e accompagnate con vini autoctoni quali il Nuragus, la Monica e il Cannonau. Le paste tipiche, con condimenti a base di carne di gallina e selvaggina, sono la norma. I formaggi, per la biodiversità dei pascoli e delle erbe sono ricchi di Omega 3. I dolci a base di mandorla (gattou, gueffus, candelaus, cruguxoisi de mendua) chiudono il pasto insieme a pardulas, pirichittus, biancheddus e panis de saba.

 

Main tourist sites:

Nuraghe Genna Maria-Villanovaforru.                                                          

Museo Archeologico-Villanovaforru.                                                              

Centro storico e B&B art – Collinas.                                                                 

Parco “Sa Fogaia” - Siddi.                                                                                  

Museo ornitologico della Sardegna - Siddi                                                   

Museo delle tradizioni agroalimentari – Siddi

Parco degli ulivi – Turri                                                                                     

Parco della Giara – Setzu                                                                                 

Museo dell’olio – Genuri                                                                                   

Nuraghe San Marco – Genuri                                                       

Tombe dei giganti – Gonnosnò                                                                         

Casa Mallocci – Albagiara

Fontana spagnola - Senis

Menhir e domus de Janas – Villa Sant’Antonio

Chiesa Santa Reparata – Usellus

Chiesa e nuraghe Santa lucia – Usellus

Antiquarium dell’ossidiana – Villa Verde

Museo e parco dell’ossidiana – Pau

Museo del giocattolo tradizionale – Ales

Museo e Cattedrale - Ales

Centro storico – Simala

Museo del mandorlo – Baressa

Sito UNESCO Su Nuraxi – Barumini

Polo museale Villa Zapata – Barumini

Museo e castello – Las Plassas

Museo Turcus e Moros-Gonnostramatza.

Geomuseo – Masullas

Museo dei Templari - Masullas

Museo dell’Arte Tessile - Morgongiori

Centro di educazione ambientale del Monte Arci - Morgongiori


More routes nearby